• Blue Fox

Annuncio | Pokémon Unite: il controverso nuovo MOBA



Il 18 Giugno abbiamo assistito ad una Pokémon Direct, nella quale sono stati presentati giochi low e mid budget per smartphone e Switch. A sorpresa di tutti però, a fine diretta Ishihara ha annunciato che ci sarebbe stata una seconda direct nella quale “il grande progetto di The Pokémon Company sarà svelato”. I fans sono impiazzi: saranno gli attesissimi remake di Diamante e Perla, Let’s Go Johto, oppure uno spin off dal calibro di Pokkén Tournament? Il 25 Giugno Game Freak risponde e presenta Pokémon Unite, un Free-to-start MOBA per cellulare e Nintendo Switch. In cosa consiste questo nuovo titolo di Pokémon e qual’è stata la reazione dei fans all’annuncio?


League of Pokémon



Per chi non lo sapesse, un MOBA (Multiplayer Online Battle Arena) è un genere di videogiochi simile agli strategici ma più immediato e competitivo, nel quale i players giocano in due squadre e controllano un personaggio ciascuno. League of Legends, Dota 2 e Smite sono tra i più famosi MOBA disponibili per PC, Console e Mobile. Pokémon Unite prende molte delle componenti principali dei titoli menzionati, inserendo ovviamente i Pokémon. Tutto sommato nei 10 minuti di presentazione non si sono visti aspetti particolari che rendano il titolo unico; ci sono piccole differenze ma il gameplay base sembra essere quello visto e rivisto su LoL e Dota. Le squadre sono formate da cinque giocatori per schieramento e ci sarà il cross play tra i giocatori Switch e quelli Android & IOs. I co-sviluppatori del titolo sono i ragazzi della cinese Tencent, nota per svariati giochi per telefono tra cui Call of Duty: Mobile. Il titolo sembrerebbe quindi pensato soprattutto per il mercato cinese, nel quale i Pokémon non sono ancora popolari quanto nel resto del mondo.


Più grandi sono le aspettative, più la caduta fa male



Come anticipato, questa presentazione doveva svelare il grande progetto della TPC, così grande da mettere in ombra la presentazione precedente, nella quale era apparso New Pokémon Snap, titolo molto apprezzato. Dopo questo annuncio, potete immaginare come le aspettative dei fans fossero alle stelle. La delusione invece è arrivata quando tutti si sono accorti che era un semplice gioco per cellulare. Come avrebbe detto Shakespeare “Tanto rumore per nulla”. Ed infatti, i 150 mila dislike nel video di presentazione dimostrano tutta la rabbia e la frustrazione che hanno i fans nei confronti della Game Freak e della The Pokémon Company. Invece di dare all’utenza i giochi che voleva, o semplicemente stupirla con piacevoli sorprese, Ishihara presenta un titolo per cellulare probabilmente pieno di microtransazioni, sviluppato da una compagnia Cinese di second’ordine.


Il pubblico aveva già dimostrato grande delusione per gli incompleti e i rozzi titoli della serie principale Pokémon Spada e Scudo e dopo questo annuncio finito male la compagnia rischia di perdere una bella fetta di mercato. Il fatto che il gioco non esca nemmeno per computer (dove i MOBA sono giocati di più) va a danneggiare ulteriormente la reputazione della serie. Ovviamente ci vorrà ben più che una gaffe del genere per affondare il colosso valutato 95 miliardi US$ che è la serie Pokémon, ma se la rotta presa andrà gradualmente ad allontanare i fans più stretti, ci potrebbero essere ripercussioni nei progetti futuri.


Il futuro della serie


Né la Nintendo né la Game Freak hanno risposto alle critiche presentate dagli utenti. Come avvenne in passato, gli sviluppatori probabilmente le ignoreranno fino a quando il gioco effettivamente uscirà. Considerando che è un gioco firmato da Pikachu, molto probabilmente Pokémon Unite sarà scaricato da milioni di giocatori al day one, ma riuscirà a mantenere i giocatori interessati oppure dopo due settimane il titolo cadrà nell’oblio? Inoltre, dopo l’uscita dell'espansione Le Terre Innevate della Corona per Pokémon Sw/Sh, usciranno i remake che i fans tanto attengono? Tutto questo lo si scoprirà alla prossima direct.


Blue Fox

14 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti